TOPSCAPE 48: LA TERZA NATURA TRA CULTURA E PROGETTO

In quest’epoca di incertezze vere, riguardo ai tanti temi che la realtà ci sottopone, “attraversiamo un momento molto favorevole e promettente per il paesaggio urbano contemporaneo, poiché mai come oggi la cultura del progetto, le politiche e l’opinione pubblica convergono sulla necessità di una sempre maggiore presenza della ‘natura’ all’interno delle città.” È con questa dichiarazione, contenuta nell’interessantissimo saggio introduttivo di apertura di questo numero, che avviamo il nostro viaggio con TOPSCAPE. Una dichiarazione che, come l’autrice Annalisa Metta ci spiega, è tutt’altro che priva di pericoli perché “il verde rischia di diventare il nuovo beige… uno sfondo neutro e consensuale”, riducendo “la ricchezza e l’eterogeneità dei significati dei paesaggi del nostro tempo”.

 

articoli correlati

PADOVA 10.000 ALBERI – La forestazione urbana per la città che cambia

È sempre più crescente la richiesta da parte delle comunità di spazi da vivere dove praticare attività sportive in strutture dedicate o all’aria aperta, tanto da diventare una vera priorità. In questo ambito è strategica la corretta progettazione di queste infrastrutture che, a fronte di una multifunzionalità sempre più richiesta, sappiano offrire risposte contemporanee allo sport in spazi chiusi o aperti all’insegna della resilienza ambientale e sociale, della sostenibilità e di una polifunzionalità che sappia accogliere forme diverse di sport per il benessere, il gioco e il tempo libero per tutte le abilità: di questo si parlerà a nella 3° sessione del forum dedicata a “SPORTCITY: LE INFRASTRUTTURE PER LO SPORT E PER IL MOVIMENTO NELLA RIQUALIFICAZIONE URBANA E PAESAGGISTICA” in programma il 19 ottobre 2022.

CONVEGNO FORMATIVO PISA 2050: CONNESSIONI VERDEBLU PER LA CITTà DEL FUTURO

È sempre più crescente la richiesta da parte delle comunità di spazi da vivere dove praticare attività sportive in strutture dedicate o all’aria aperta, tanto da diventare una vera priorità. In questo ambito è strategica la corretta progettazione di queste infrastrutture che, a fronte di una multifunzionalità sempre più richiesta, sappiano offrire risposte contemporanee allo sport in spazi chiusi o aperti all’insegna della resilienza ambientale e sociale, della sostenibilità e di una polifunzionalità che sappia accogliere forme diverse di sport per il benessere, il gioco e il tempo libero per tutte le abilità: di questo si parlerà a nella 3° sessione del forum dedicata a “SPORTCITY: LE INFRASTRUTTURE PER LO SPORT E PER IL MOVIMENTO NELLA RIQUALIFICAZIONE URBANA E PAESAGGISTICA” in programma il 19 ottobre 2022.