CONCORSO: ROMA – RECUPERO E RIQUALIFICAZIONE DEL GIARDINO DELL’EX ISTITUTO ANGELO MAI

Si chiude il 22 dicembre la prima fase del concorso per il recupero e la  riqualificazione del giardino dell’ex Istituto Angelo Mai, organizzato dal Municipio Roma I Centro e dall’Ordine degli Architetti PPC di Roma.

Situato nel cuore del Rione Monti all’interno della piccola isola settecentesca della Suburra, l’intervento si pone l’obiettivo di trasformare il complesso in stato di abbandono in un nuovo giardino pubblico, donando alla città un nuovo polmone verde.

La riqualificazione dell’area verde tra via S. Giuseppe Labre e via Clementina, comprenderà inoltre il recupero della ex sottostazione elettrica dismessa da trasformare in una palestra scolastica comprensiva anche di servizi ad uso pubblico.

Per maggiori informazioni clicca qui

articoli correlati

PADOVA 10.000 ALBERI – La forestazione urbana per la città che cambia

È sempre più crescente la richiesta da parte delle comunità di spazi da vivere dove praticare attività sportive in strutture dedicate o all’aria aperta, tanto da diventare una vera priorità. In questo ambito è strategica la corretta progettazione di queste infrastrutture che, a fronte di una multifunzionalità sempre più richiesta, sappiano offrire risposte contemporanee allo sport in spazi chiusi o aperti all’insegna della resilienza ambientale e sociale, della sostenibilità e di una polifunzionalità che sappia accogliere forme diverse di sport per il benessere, il gioco e il tempo libero per tutte le abilità: di questo si parlerà a nella 3° sessione del forum dedicata a “SPORTCITY: LE INFRASTRUTTURE PER LO SPORT E PER IL MOVIMENTO NELLA RIQUALIFICAZIONE URBANA E PAESAGGISTICA” in programma il 19 ottobre 2022.

CONVEGNO FORMATIVO PISA 2050: CONNESSIONI VERDEBLU PER LA CITTà DEL FUTURO

È sempre più crescente la richiesta da parte delle comunità di spazi da vivere dove praticare attività sportive in strutture dedicate o all’aria aperta, tanto da diventare una vera priorità. In questo ambito è strategica la corretta progettazione di queste infrastrutture che, a fronte di una multifunzionalità sempre più richiesta, sappiano offrire risposte contemporanee allo sport in spazi chiusi o aperti all’insegna della resilienza ambientale e sociale, della sostenibilità e di una polifunzionalità che sappia accogliere forme diverse di sport per il benessere, il gioco e il tempo libero per tutte le abilità: di questo si parlerà a nella 3° sessione del forum dedicata a “SPORTCITY: LE INFRASTRUTTURE PER LO SPORT E PER IL MOVIMENTO NELLA RIQUALIFICAZIONE URBANA E PAESAGGISTICA” in programma il 19 ottobre 2022.