CITYLIFE IN CORSA PER IL PREMIO EUROPEO “GREEN CITIES AWARDS”

Prima volta di una candidatura italiana al concorso patrocinato dal Parlamento Europeo e promosso dall’ENA, l’associazione che riunisce la filiera dei vivaisti europei, che premia i parchi urbani contemporanei più virtuosi.

La cerimonia di premiazione l’8 dicembre

Il Parco di CityLife sarà il candidato italiano selezionato per la corsa al “Green Cities Awards”, il riconoscimento internazionale assegnato dall’ENA European Nurserystock Association, associazione europea che riunisce tutte le realtà dedicate al vivaismo su vasta scala, col patrocinio del Parlamento Europeo. Il premio inaugurato nel 2020, giunto alla seconda edizione quest’anno, premia il parco europeo che meglio interpreta il verde urbano, conciliando le esigenze dettate dalle sfide climatiche e di integrazione sociale, con i processi di rigenerazione urbana e urbanizzazione.

Con la nomination al Green Cities Award, il Parco di City Life è ora in gara con altre 12 tra le più virtuose soluzioni green urbane di altrettante green cities, una per ciascuno dei 13 paesi europei partecipanti: oltre all’Italia, in gara vi sono Belgio Bulgaria, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Olanda, Polonia, Portogallo, Ungheria, Svezia.

I tredici progetti saranno valutati da una giuria internazionale di professionisti e sono già visionabili sul sito www.thegreencities.eu/award. Il premio verrà assegnato l’8 dicembre. Obiettivo dell’iniziativa è stimolare l’utilizzo del verde nello spazio pubblico fornendo idee innovative, informazioni basate sulla ricerca scientifica e competenze tecniche.

Il Parco di Citylife è stato scelto da ANVE Associazione Nazionale Vivaisti Esportatori che rappresenta in Italia l’associazione europea ENA per il proprio carattere fortemente innovativo e attento all’integrazione dello sviluppo del verde all’interno del contesto urbano milanese. Secondo parco urbano più grande di Milano la cui riqualificazione ha interessato un’area di 173,00 mq, il Parco milanese CityLife è stato selezionato quale esempio virtuoso di parco urbano contemporaneo. L’urbanizzazione e i cambiamenti climatici richiedono nuove soluzioni per mantenere e migliorare la qualità della vita nelle nostre città. Attraverso l’uso dello spazio verde presente nel Parco, CityLife ha realizzato un modello esemplare di connubio tra aree residenziali, servizi, arte e verde.

La nomination di CityLife arriva superata la selezione finale con altri parchi italiani candidati al premio considerati tra i migliori esempi di verde urbano in Italia: la Biblioteca degli Alberi a Milano e il Real Bosco di Capodimonte a Napoli. I finalisti sono stati selezionati dai rappresentanti della giuria internazionale che per la prima volta vede un componente Italiano, Novella Cappelletti, Direttore della rivista specializzata internazionale Topscape Paysage, designata da ANVE.

Il progetto vincitore sarà annunciato durante la cerimonia di premiazione, mercoledì 8 dicembre. L’evento in digitale vedrà interventi di esperti internazionali a livello politico, scientifico e architettonico che rifletteranno sulle prospettive e le best practice dell’integrazione di alberi e piante nelle aree pubbliche. L’evento sarà aperto dal neo eletto Presidente ENA Henk Raaijmakers e da Norbert Lins, Presidente della Commissione AGRI del Parlamento Europeo, il premio verrà consegnato dal parlamentare Europea César Luena.

In Italia l’iniziativa è promossa da ANVE in media partnership con la Rivista Internazionale TOPSCAPE PAYSAGE. Il programma completo e i progetti candidati sono illustrati su www.thegreencities.eu/award.

***

 IL PARCO DI CITYLIFE

Progettato nel 2010 attraverso un percorso congiunto tra Comune di Milano e CityLife volto alla riqualificazione dell’ex quartiere storico della Fiera di Milano, il Parco copre una superficie totale di 173,000 mq offrendo un’area verde che ospita 2.500 alberi.

Rispondendo alle esigenze di una metropoli in continua crescita, il progetto coniuga la creazione di un ambiente accogliente ed autentico in termini di biodiversità paesaggistico-naturale, con la necessità di dotare Milano di un’area green fruibile ed inclusiva che offra servizi rivolti alle diverse fasce della società: aree gioco, un asilo nido ecosostenibile, ampi spazi ad uso libero e aree fitness. Grazie alle superfici verdi adibite e all’impegno di CityLife per la promozione di innovazione nel rispetto della sostenibilità ambientale, il Parco garantisce un assorbimento di CO2, costituendo un patrimonio ecologico per la città e le generazioni future.

Il Parco ospita specie arboree di grandezza e foggia differente: grandi querce, aceri e olmi che conferiscono un pronto effetto al parco, circondati da un’ampia fascia boscata con grandi arbusti, macchie di erbacee perenni e graminacee.

In armonia con i grattacieli circostanti, il Parco ospita inoltre iniziative educative e culturali quali ArtLine Milano, il primo museo di arte contemporanea all’aperto della città, e gli Orti Fioriti, un’area verde di oltre 3.000 mq inaugurata nel 2015, realizzata in collaborazione con Associazione Orticola di Lombardia e attualmente gestita da CityLife con la Cooperativa del Sole.

articoli correlati

PADOVA 10.000 ALBERI – La forestazione urbana per la città che cambia

È sempre più crescente la richiesta da parte delle comunità di spazi da vivere dove praticare attività sportive in strutture dedicate o all’aria aperta, tanto da diventare una vera priorità. In questo ambito è strategica la corretta progettazione di queste infrastrutture che, a fronte di una multifunzionalità sempre più richiesta, sappiano offrire risposte contemporanee allo sport in spazi chiusi o aperti all’insegna della resilienza ambientale e sociale, della sostenibilità e di una polifunzionalità che sappia accogliere forme diverse di sport per il benessere, il gioco e il tempo libero per tutte le abilità: di questo si parlerà a nella 3° sessione del forum dedicata a “SPORTCITY: LE INFRASTRUTTURE PER LO SPORT E PER IL MOVIMENTO NELLA RIQUALIFICAZIONE URBANA E PAESAGGISTICA” in programma il 19 ottobre 2022.

CONVEGNO FORMATIVO PISA 2050: CONNESSIONI VERDEBLU PER LA CITTà DEL FUTURO

È sempre più crescente la richiesta da parte delle comunità di spazi da vivere dove praticare attività sportive in strutture dedicate o all’aria aperta, tanto da diventare una vera priorità. In questo ambito è strategica la corretta progettazione di queste infrastrutture che, a fronte di una multifunzionalità sempre più richiesta, sappiano offrire risposte contemporanee allo sport in spazi chiusi o aperti all’insegna della resilienza ambientale e sociale, della sostenibilità e di una polifunzionalità che sappia accogliere forme diverse di sport per il benessere, il gioco e il tempo libero per tutte le abilità: di questo si parlerà a nella 3° sessione del forum dedicata a “SPORTCITY: LE INFRASTRUTTURE PER LO SPORT E PER IL MOVIMENTO NELLA RIQUALIFICAZIONE URBANA E PAESAGGISTICA” in programma il 19 ottobre 2022.