TOPSCAPE 49

BUDAPEST SOUTH GATE SIDE

Nell’ambito del piano “Budapest 2030”, che definisce la strategia di sostenibilità per la pianificazione della città fissando alcuni obiettivi nevralgici come l’efficienza energetica socialmente orientata nell’ambito del recupero di una maggiore connessione al suo fiume, il concorso indetto per Budapest South Gate è stato vinto dal progetto dello studio Snøhetta. Il masterplan, che prevede lo sviluppo di un grande quartiere su un’area dismessa di oltre 135 ettari rafforzando la relazione fisica ed emotiva con il Danubio, utilizza l’acqua come elemento “modellante” intorno al quale prende forma la vasta infrastruttura verde-blu, asse portante della nuova penisola urbana.

articoli correlati

WATERFALL PARK

Un paesaggio drammatico definito da un canyon di 182 metri a caduta d’acqua:...

GIARDINO FORTUNY

Dietro a una fabbrica di mattoni rossi, all’ombra del Molino Stucky, un giardino...

CEMETERY EXTENSION

L’ampliamento del cimitero di guerra di Loenen nei Paesi Bassi introduce un tema...

PARC SIMONE VEIL

Una concatenazione di giardini e cortili chiusi, ritagliati nel patrimonio storico della...

DARLING SQUARE

La complessa riconversione del porto commerciale dismesso di Darling Harbour a Sydney ha...

MIYASHITA PARK

Miyashita Park, struttura che oggi unisce funzioni commerciali, ricettive e ricreative,...

XUHUI RUNWAY PARK

La trasformazione degli aeroporti in disuso in nuovi parchi urbani è un tema di grande...

BELVEDERE WILSON

I giardini botanici sono luoghi ideati e costruiti dall’uomo in cui coesistono scopo...