70 SCHOOL COURTYARD

Quali risorse progettuali abbiamo a disposizione per combattere la diffusione di nuove patologie e al contempo cambiare il nostro stile di vita con una svolta green? Questo il quesito che muove i progettisti di oggi nello sviluppo di un modello alternativo di paesaggio urbano, dove la grande dimensione del parco lascia spazio ai playground di quartiere, alla piccola dimensione interstiziale. La microdimensione “sotto casa” dei luoghi all’aperto, dove giocare e socializzare, riscopre antichi modi di vivere.

articoli correlati

FLOWER GARDEN

Sulle colline al confine tra Umbria e Toscana, Memoscape firma la rivisitazione di un...

MANDARIN ORIENTAL

Patrizia Pozzi firma il progetto del paesaggio del Mandarin Oriental, resort esclusivo...

DOPO LE CAVE

Le cave di marmo di Arzo, un tempo fulcro dell’economia locale, grazie al Patriziato di...

LES JARDINS DE LA PAIX

Ferita dalla brutalitĂ  dei conflitti mondiali del Novecento, la regione francese...

VALGA SQUARE

Valga, cittĂ  estone al confine con la Lettonia, forma insieme a Valka un unico centro...

HYGGE LIFE

Due innovativi progetti europei sviluppano la mobilitĂ  sostenibile donando nuovi spazi e...

PASTORALE ACCADEMICA

Nella riflessione contemporanea che la pandemia ha senza dubbio sollecitato circa il...

VIENNA NORTH HOSPITAL

A qualche anno dal completamento del coloratissimo Monte Laa Central Park, Martha...

KURPARK XANTEN

Il nuovo parco di Xanten celebra nella sua realizzazione l’ultima tappa di un percorso...