DA ABU DHABI A MILANO

Come una vertigine verde, le pareti verticali di Marco Sandrini sfidano condizioni avverse e altezze ardite. Nel progetto per la nuova sede di un impianto petrolifero ad Abu Dhabi, la presenza della natura a dispetto delle condizioni climatiche complesse è concepita come protagonista dello spazio architettonico. La vegetazione riveste così le pareti dell’edificio e, seguendone l’andamento curvilineo, crea suggestive scenografie naturali che sembrano avvolgere il visitatore. Non meno ardita e avvolgente è la proposta del muro vegetale che per tutta altezza ricopre le pareti che definiscono l’affaccio interno di Palazzo Beltrade, dove l’architettura di Portaluppi è ravvivata da ben sei piani di verde verticale.

articoli correlati

LANDSCAPE HOTEL

TOPSCAPE PAYSAGE torna a parlare, in questo numero, di Landscape Hotel: la risposta...

LAGOON LANDSCAPE

Vincitore del primo premio EcoTechGreen Award 2019, categoria “Verde Tecnologico e...

IL COLLE INFINITO

Il colle, dove Giacomo Leopardi appena ventenne si recava attratto dalla magica vista...

BAAKENPARK

Con un concorso vinto nel 2012, Atelier Loidl lancia per questa parte di città portuale,...