GIARDINI O GIARDINETTI? CRONACHE DI UN RESISTIBILE DECLINO

Vi siete mai chiesti perché da oltre un secolo i giardini italiani presenti nella grande provincia italiana, a parte Milano e poco più, abbiano subito un abbassamento qualitativo fino a diventare spazi residuali o semplici vuoti inedificati? Il processo ha colpito inesorabilmente non solo i privati, ma anche gli spazi pubblici, che si sono impoveriti sia ecologicamente sia culturalmente. Ovviamente non esiste una risposta univoca, dato che le cause del fenomeno sono molteplici e complesse. In una rubrica che tratta i rapporti fra urbanistica e paesaggio, soffermiamoci pertanto su alcune di queste, alla ricerca di responsabilità che ci riguardano da vicino.

articoli correlati

PIAZZE TATTICHE

Milano intraprende la strada dell’URBANISTICA TATTICA con l’aiuto di due organizzazioni...

PLAYING IN MOSCOW

Il Moscow International Landscape Festival Show di Mosca, alla sua seconda edizione, ha...

MONTE PAVILIA

Il parco giochi costituisce, nelle diverse modalità in cui si è tradotto nel tempo, una...

CUERNAVACA RAILWAY

Si è conclusa a dicembre 2017 la costruzione del primo chilometro e mezzo, dei quasi...

MEGA FOOD WALK

Mentre il mondo del retail occidentale si interroga sul futuro dei centri commerciali,...

LA TENUTA MARA

Il sogno di un imprenditore diventa realtà: creare un’azienda vitivinicola di eccellenza...