GIARDINO ITALIANO 8

FRA DUNE E MARE

Una spiaggia, uno stabilimento balneare con qualche “cicatrice” e il profumo del mare d’inverno. Il vento forte e freddo e una tromba d’aria che in pochi, lunghissimi minuti si abbatte con tutto il suo vigore sul litorale adriatico e in particolare su Milano Marittima, sradicando e danneggiando parte del patrimonio arboreo e diverse strutture balneari. Questa è l’occasione non più rinviabile per la proprietà di uno stabilimento di ripensare l’idea di un modello di ricettività che ritrovi il senso di una naturalità perduta nel tempo, in armonia con un ecosistema fragile e dimenticato.

articoli correlati

LAGUNA VIVA

Comprimere ambienti estesi in un microcosmo limitato, mantenendo inalterate le relazioni...

UN BIOLAGO IN PINETA

A Roccamare, incastonata nel paesaggio di Castiglione della Pescaia, Vera Luciani firma...

PICCOLO POMERIO

A est di Roma, nell’antica acropoli di Praeneste, oggi Palestrina, nel piccolo borgo...

MARESIA A PROCIDA

Sono stati il paesaggio e la sua tutela imprescindibile a indirizzare questo intervento...

MINIMAL GARDEN

Nell’ambito dell’idea di un nuovo approccio al luogo di lavoro in chiave wellbeing, si...

THE BIG GARDEN

Al centro del progetto Milano Verticale | UNA Esperienze c’è la consapevolezza di...

IL PARCO DEI NONNI

La natura ha il grande potere di accomunare, avvicinare, rimuovere differenze e distanze...

GREEN AGE

Nell’ambito del progetto di ricerca Green Age dell’Università Statale di Milano,...