GIARDINO DI CASA BP

Un giardino ai piedi dell’Etna che, in una sintesi magistrale, Giovanni Chiaromonte racconta così: “… Nell’obbedienza fedele al profilo originario del terreno, il primo atto del progetto è quello di erigere un muro di pietra lavica rispetto al dato del caos contemporaneo. Nella distanza spaziale posta nei confronti della devastazione presente. Angelo Vecchio immette una profondità temporale piantando un secolare ulivo o una palma centenaria e così, da questo interno giardino, apre un nuovo affaccio verso l’esterno del mondo.”

articoli correlati

MARINELLI RELAX

Con l’obiettivo di offrire una struttura dedicata alla talassoterapia in prossimità del...

GLASS HOUSE

Più che un’architettura, una Glass House in giardino rappresenta la sintesi di una...

VILLA GARUFI

Senza perdere l’immagine d’insieme e una distinguibile personalità che lo rendesse...

LE CAMPAGNOLE

Nel paesaggio della pianura padana, un territorio antico modificato e a volte...

BAGLI DELLA SORGENTE

Nell’ambito del progetto di recupero del più ampio sviluppo previsto dal Piano di...

L’OFFICINA DEL SOLE

A Montegiorgio, i 40 ettari dell’azienda agricola Officina del Sole sono stati...

DONNA CORALY RESORT

“Non basta salvaguardare il proprio passato, bisogna potergli offrire un futuro”: questa...

SOGNO SICILIANO

Il giardino è molto spesso l’ultima fase di un progetto abitativo e rappresenta quella...

CORTE PARADISO

A Eraclea Mare in quell’arco costiero dell’Adriatico emerso a seguito delle opere di...

RELAIS SAN VIRGILIO

A Bergamo Alta sul colle di San Vigilio che domina la valle, l’omonimo castello...