CONVEGNO FORMATIVO PISA 2050: CONNESSIONI VERDEBLU PER LA CITTà DEL FUTURO

Promosso dal Comune di Pisa e organizzato dalla rivista internazionale TOPSCAPE PAYSAGE per la promozione e lo sviluppo dell’Architettura del Paesaggio, in collaborazione con l’Ordine Architetti PPC di Pisa e  Euroambiente, il Convegno Formativo Internazionale “PISA 2050. Connessioni VerdeBlu per la città del futuro”  si pone come strumento conoscitivo delle azioni intraprese nella fase operativa da Pisa. 

Pisa guarda al suo futuro e, con l’obiettivo temporale del 2050 mette in campo una serie di strategie e progetti che, a completamento del percorso che ha disegnato la trama e la struttura del modello di sviluppo dell’infrastruttura verde della città, coinvolgeranno l’intero organismo urbano in una logica di sistema integrato. Il sistema del paesaggio urbano di Pisa sviluppato in questi ultimi anni offre oggi alla città ben 51 parchi che sono raggiungibili dalle residenze entro un tempo di 5 minuti a piedi; a questi si aggiungono altre 39 aree a verde non attrezzato, raggiungibili in un tempo massimo di 10 minuti (700 metri).  A questa disponibilità di natura urbana generatrice di paesaggio ma soprattutto di  benessere fisico, di comfort psicologico e sociale si aggiungono i grandi polmoni verdi come il Parco Naturale Regionale Migliarino San Rossore Massaciuccoli che costituisce oggi il Capitale Naturale della città in continuo sviluppo. A questa complessa infrastruttura ecologica appartiene anche il sistema fluviale del fiume Arno, una via d’acqua di oltre 18 Km che attraversa la città e, in connessione con il canale Navicelli, mette in relazione il fiume al mare attraverso il porto di Livorno.

Protagonisti del prossimo futuro quindi non solo la natura e la sua ricchezza ecologica e ambientale ma anche l’infrastruttura blu che coinvolgerà l’Arno. Con il progetto per la navigabilità del fiume vincitore del bando “Italia City Branding 2000”, l’Arno sarà infatti protagonista di un nuovo sistema di mobilità che non solo connette la città di Pisa ma anche tutto il territorio del Valdarno, definendo ai vari livelli azioni coordinate da adottare per la tutela delle risorse idriche, la salvaguardia del rischio idraulico, la valorizzazione dell’ambiente fluviale e soprattutto lo sviluppo economico, turistico e culturale legato alla fruibilità e alla navigabilità del fiume.

A tutto questo si affianca e integra lo sviluppo del piano per la Mobilità Sostenibile. Un sistema di piste ciclabili connesse all’infrastruttura verde che, attraverso il Piano Urbano di Mobilità di Area Vasta e il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile – PUMS, si propone di soddisfare la domanda di mobilità delle persone e delle imprese nelle aree urbane e peri-urbane per migliorare la qualità delle connessioni, seguendo anche in questo caso il principio di integrazione, partecipazione, monitoraggio e valutazione.

 Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata

La partecipazione al Convegno è gratuita previa iscrizione qui

articoli correlati

PADOVA 10.000 ALBERI – La forestazione urbana per la città che cambia

È sempre più crescente la richiesta da parte delle comunità di spazi da vivere dove praticare attività sportive in strutture dedicate o all’aria aperta, tanto da diventare una vera priorità. In questo ambito è strategica la corretta progettazione di queste infrastrutture che, a fronte di una multifunzionalità sempre più richiesta, sappiano offrire risposte contemporanee allo sport in spazi chiusi o aperti all’insegna della resilienza ambientale e sociale, della sostenibilità e di una polifunzionalità che sappia accogliere forme diverse di sport per il benessere, il gioco e il tempo libero per tutte le abilità: di questo si parlerà a nella 3° sessione del forum dedicata a “SPORTCITY: LE INFRASTRUTTURE PER LO SPORT E PER IL MOVIMENTO NELLA RIQUALIFICAZIONE URBANA E PAESAGGISTICA” in programma il 19 ottobre 2022.